sabato 6 febbraio 2010

Senbatsu 2010 - Storie dal profondo sud

Fino a qualche decennio fa, quando una squadra di Okinawa riceveva l'onore di essere invitata al Senbatsu (oppure se lo guadagnava), nell'arcipelago del profondo sud scoppiava letteralmente la festa. Facendo i debiti paragoni, è come se in una lega professionistica di calcio italiano, poniamo la serie B o la serie C, salisse alla ribalta all'improvviso una squadra proveniente dalla... Val d'Aosta! 

Dagli anni Ottanta in poi il Giappone baseballistico si è abituato all'evento e col passare del tempo è pure capitato che una compagine del piccolo arcipelago, il Senbatsu, riuscisse persino a vincerlo. L'ultima volta risale a non più di due anni fa, nell'edizione 2008 che ha visto il trionfo del liceo Okinawa Shōgaku (conosciuta col nomignolo di Okishō, è l'unica scuola di Okinawa che lo ha vinto, bissando il successo del 1999). Ma qualche giorno fa la storia del baseball giapponese liceale ha aggiornato ulteriormente i registri, aggiungendo un nuovo tassello al mosaico del suo corso centenario. Infatti, dopo ben ottantasette anni ed ottantuno edizioni, per la prima volta le rappresentative dell'arcipelago di Okinawa saranno due. Oltre al Kōnan, una scuola ormai abituata a calpestare la terra del Kōshien, quest'anno si è aggiunto pure il Kadena, debuttante assoluto nella manifestazione.

Ma ai giapponesi il nome Kadena, oltre al baseball liceale, richiama soprattutto un'altra cosa. In questi giorni il governo è seriamente impegnato nel cercare di risolvere per l'ennesima volta la fastidiosissima grana delle basi americane dislocate ad Okinawa. Gli abitanti non ne vogliono più sapere di quegli stranieri intrusi che pretenderebbero di proteggerli. D'altra parte il governo non se la sente di privarsi completamente della presenza americana in quell'area strategica del Pacifico, visto che è utilissima per controllare il colosso cinese e soprattutto per sbollentare gli animi irrequieti della vicina Corea del Nord. Fanno da corollario a tutto ciò gli innumerevoli problemi derivanti l'inevitabile incompatibilità fra i soldati yankees e i locali, che spesso sfocia in risse ed omicidi legati allo spaccio di droga e alla prostituzione. Per concludere, se Kadena Air Base è il nome dell'installazione militare statunitense, Kadena è pure il nome del liceo che dista a meno di cinquecento metri dalla base, al punto che i ragazzi spesso si allenano ascoltando il rombo dei caccia che decollano. 
All'ultimo torneo del blocco Kyūshū di fine ottobre il Kōnan e il Kadena non si sono incrociate davvero per un soffio, ed in quel caso sarebbe stata una finale quasi epica. Invece, mentre il Kadena è volato in finale sconfiggendo seccamente per 4 a 0 il Jiyūgaoka di Fukuoka, il Kōnan ha perso una concitata semifinale per 3 a 2 contro il Miyazaki Kōgyō. Poi ci ha pensato il Kadena a riscattare i cugini d'Okinawa, battendo per 4 a 2 il Miyazaki Kōgyō e trionfando nel torneo d'Autunno dell'area meridionale. Una vendetta agrodolce, visto che il Kōnan e il Kadena sono acerrime rivali. Comunque sia, tutte e quattro le semifinaliste sono state invitate al Senbatsu e dunque le occasioni per rifarsi, e soprattutto per vendicarsi, non mancheranno di certo.

Il Kōnan può vantare ben sette elementi tra titolari e riserve che hanno partecipato all'ultimo Kōshien estivo. Alcuni di questi hanno addirittura debuttato al Senbatsu di un anno fa, quando il Kōnan venne eliminato al primo turno dal Tōyama Shō (2-0 al decimo inning dopo una partita tiratissima). Si tratta quindi di un gruppo che è perfettamente consapevole dell'atmosfera che lo aspetta a Nishinomiya e non si farà certo impressionare dalla maestosità dello stadio. L'asso Shimabukuro è alla sua terza esperienza personale al Kōshien (2 Senbatsu e un'edizione estiva) e gode della totale fiducia dei compagni. Lo è a tal punto che la semifinale persa contro il Miyazaki Kōgyō nel torneo d'Autunno sarebbe imputabile al suo non impiego come partente. Secondo gli esperti il turn-over attuato dal coach, per altro indispensabile in vista di un'eventuale finale, causò un tale blocco psicologico alla squadra da impedirle di trovare il bandolo della matassa di una semifinale ampiamente alla sua portata.

Da parte sua il Kadena schiera la batteria Ikehara-Majiya, una coppia che gode di un affiatamento maturato dalle scuole medie e che si presenta con un curriculum di tutto rispetto, avendo trionfato a livello nazionale proprio nel campionato delle scuole medie di due anni fa. Inoltre, a dispetto del presunto clima ostile che aleggia ad Okinawa, la squadra ha disputato parecchie amichevoli contro gli yankees della famigerata base e ciò ha contribuito ad aumentare il bagaglio di esperienza del club. L'allenatore Madanbashi ha sottolineato soprattutto questo aspetto: "La presenza della base e dei suoi abitanti ha contribuito a plasmare ulteriormente i miei ragazzi. Inutile dire che l'allegria, la franchezza e l'incapacità di sottostare per forza a degli schemi tipica degli americani ci ha influenzati ed ha influenzato il nostro concetto di baseball. Ma devo ammettere che non l'ha fatto per forza negativamente. Anzi, ora i miei ragazzi ragionano in maniera più positiva e propositiva nei confronti dei problemi che nascono durante un match e ciò torna utile per eliminare gran parte dello stress mentale che caratterizza noi giapponesi."

Alcuni dati sulla coppia di Okinawa:
KADENA
Anno di fondazione: 1984
Studenti iscritti: 685 (di cui 348 ragazze)
Iscritti al club di baseball: 65
Incontri ufficiali disputati da ottobre: 10 (8 vittorie, 2 sconfitte)
* Debuttante assoluta al Kōshien

KŌNAN
Anno di fondazione: 1962
Studenti iscritti: 860 (di cui 262 ragazze)
Iscritti al club di baseball: 101
Incontri ufficiali disputati da ottobre: 9 (8 vittorie, 1 sconfitta)
* Seconda partecipazione consecutiva al Senbatsu
* Vanta otto partecipazioni al Kōshien estivo

Nessun commento:

Posta un commento