mercoledì 23 marzo 2011

Tempo di sondaggi

Il 21 gennaio scorso, durante la messa in onda di una rubrica sportiva del network Fuji TV, hanno proposto un simpatico servizio che trattava di baseball. In pratica un sondaggio basato sulle interviste fatte a cento giocatori delle due leghe professionistiche giapponesi, ai quali è stato chiesto quali fossero i manga di baseball che più li avevano influenzati da bambini. Ho registrato il programma e l'ho tradotto, riportando i risultati e le impressioni dei vari giocatori. Quindi ne ho discusso con alcune persone, chiedendo loro un parere sui risultati. Il loro commento è stato "Igai..." (non me l'aspettavo). In effetti la classifica è sorprendente e non sono mancate le esclusioni eccellenti. Evidentemente, in questo caso, la differenza l'ha fatta l'età degli interpellati. Ecco i BEST FIVE:


 
(1) MEIMON! DAISAN YAKYUBU di Katsunori Mutsu 

(pubblicato dal 1987 al 1993 su Shōnen Magazine)

Primo con 18 voti. 

Commenti dei votanti:
Sugiuchi (30) Fukuoka Hawks: "Un manipolo di panchinari disprezzati da tutti mettono su una squadra improvvisata, battono i titolari, diventano a loro volta titolari ed arrivano al Kōshien... certe storie ti fanno sognare ad occhi aperti."
Nakamura (27) Seibu Lions: "Fantasticavo spesso su cosa si provasse a scalare i ruoli dalla terza squadra riserve fino ad arrivare ai titolari. Il pensarci spesso mi ha spronato, aiutandomi a dare sempre qualcosa in più."
Kaneko (35) Nippon Ham Fighters: "Da giovane credo di aver attraversato anch'io un momento di simile fervore agonistico."
Imae (27) Chiba Lotte: "Di questo manga mi hanno colpito i protagonisti, delle schiappe apparentemente senza carattere che però adorano il baseball e si impegnano al massimo delle loro possibilità per salire il più in alto possibile."
Ishikawa (31) Yakult Swallow: "Questo manga mi ha insegnato che la febbre da baseball si cura solo con una buona dose di allenamenti, l'unica medicina che alla fine ti aiuta a prevalere sugli avversari."

(2) DOKABEN di Shinji Mizushima 
(pubblicato dal 1972 al 1981 su Shōnen Champion)
Secondo con 14 voti.

Commenti dei votanti:
Hirano (26) Orix Buffaloes: "Lo scovai per caso in una libreria della mia zona. Mi interessò subito, anche se non è propriamente un manga della mia generazione. Ricordo che quando frequentavo le elementari, ruppi talmente le scatole ai miei che alla fine, stremati, mi comprarono tutta la serie in blocco."
Ōno (35) Chiba Lotte: "Credo che rappresenti al meglio il lato interessante e divertente di questo gioco."
Ishii (40) Hiroshima Carp: "Così tanti personaggi esplosivi non potevavo non attirare la mia attenzione. Mi sono divertito un sacco a leggerlo."
Watanabe (34) Chiba Lotte: "Il lancio sky fork di Satonaka mi impressionò moltissimo e da ragazzo mi sforzai in tutti i modi di imitarlo. E' rimasto ancora un mio sogno nel cassetto!"
Fujimoto (33) Yakult Swallow: "A me piaceva Tonoma con la sua battuta 'Hakucho no mizumi' (Il lago dei cigni). Cercai di copiargliela, coi risultati che ben potete immaginare..."
Kusano (34) Rakuten Eagles: "Io stravedevo per Shiranui, il lanciatore col frontino del cappello spaccato. Se rinasco, voglio fare il lanciatore!"

(3) TOUCH di Mitsuru Adachi 
(pubblicato dal 1981 al 1986 su Shōnen Sunday)
Terzo con 9 voti.

Commenti dei votanti: 
Toritani (29) Hanshin Tigers: "Muore suo fratello, lui decide di sostituirlo ed si impegna nel baseball. Finalmente trova la giusta collocazione nella sua vita. Questa storia mi influenzò parecchio quand'ero giovane."
Wada (29) Fukuoka Hawks: "Ho sempre avuto un debole per Tatsuya, fin dall'inizio. Uno che, quando le cose vanno fatte, risponde sempre presente! So che molti all'epoca parteggiavamo per Kazuya, io no."
Kōtani (30) Nippon Ham Fighters: "Touch, assolutamente Touch."
Mahara (29) Fukuoka Hawks: "Touch, ho detto tutto."
Iwase (36) Chūnichi Dragons: "Minami... averla avuta un'amica d'infanzia così..."
Infine il commento più bello della serata:
Miura (37) Yokohama Baystars: "Quando mi iscrissi al liceo ero convintissimo che lì ci fosse una Minami ad aspettarmi. Poi mi resi conto che manga e realtà sono due cose completamente diverse..."

(4) CAPTAIN di Akio Chiba 
(pubblicato dal 1972 al 1979 su Shōnen Jump)
Quarto con 9 voti.

Commenti dei votanti: 
Inaba (38) Nippon Ham Fighters: "Un gruppo di personaggi con personalità precise e riconducibili alla realtà. Niente palle magiche o esagerazioni di sorta, questo manga mi ha rapito fin dalle prime vignette."
Shimizu (35) Yokohama Baystars: "Gli allenamenti fino a notte fonda, le mille battute, i giri di corsa fino allo sfinimento, tutti aspetti irresistibilmente trash che mi conquistarono subito!"
Kitagawa (38) Orix Buffaloes: "Andavo pazzo per la sigla del cartone. Captain ha infiammato la mia giovinezza sportiva."
Aota (30) Orix Buffaloes: "Lo tenevano nella biblioteca della mia scuola e io approfittavo delle pause per andare a leggermelo. Guardavo i personaggi impegnarsi in degli esercizi al limite delle forze e mi convinsi che, se avessi voluto emergere, avrei dovuto farli anch'io. Questo manga mi fa venire una grande nostalgia."
I nove che hanno votato "Captain" hanno tutti un'età compresa tra i 30 e i 38 anni. Non figura nessun ventenne. Un vero manga d'epoca Shōwa!

(5) MAJOR di Takuya Mitsuda
(pubblicato dal 1994 su Shōnen Sunday, tutt'ora in pubblicazione, raccolto finora in 78 volumetti) 
Quinto con 8 voti.

Commenti dei votanti: 
Maeda (22) Hiroshima Carp: "Quando ho iniziato a giocare a baseball avevo pressappoco la stessa età del protagonista: Per questo motivo l'ho trovato subito interessante e mi sono immedesimato in lui".
Tōno (24) Tōkyō Giants: "Credo che sia il manga per eccellenza dei ragazzi della mia generazione".
Matsumoto (26) Tōkyō Giants: "Goro supera diversi ostacoli e arriva alle Major americane. Allo stesso modo immagino di potercela fare anch'io nel caso si presentassero quegli stessi ostacoli. E' la sensazione positiva che sa trasmettermi questo manga".
Seizawa (25) Rakuten Eagles: "Ho cominciato a giocare a baseball in squadre che non erano per niente forti. Nonostante questo, allo stesso modo del protagonista di Major, ho capito che se mi fossi impegnato a fondo, forse avrei scorto anch'io la luce in fondo al tunnel..."
Tanaka (22) Rakuten Eagles: "Lo colleziono, quasi 80 volumetti e io ce li ho tutti."

La lista dei manga votati
Dalle immagini ho potuto individuare 26 delle 28 opere scelte dai cento intervistati. Purtroppo due mi sono sfuggite. Le riporto qui sotto, in ordine cronologico di pubblicazione, con a fianco il nome dei disegnatori. In parte il nome delle serie conosciute in Italia.

Anni Sessanta:
(1966) Noboru Kawasaki "Kyōjin no Hoshi" (Tommy la stella dei Giants) Fuori classifica!

Anni Settanta:
(1971) Kō Inoue "Samurai Giants"
(1972) Akio Chiba "Captain" 4 classificato
(1972) Shinji Mizushima "Yakyūkyō no uta" (Pat la ragazza del baseball)
(1972) Shinji Mizushima "Dokaben" (Mister Baseball) 2 classificato
(1974) Shinji Mizushima "Abu san"
(1977) Shinji Mizushima "Kyūdō kun"

Anni Ottanta:
(1981) Kei Sodayasu "Nanto Magoroku"
(1981) Mitsuru Adachi "Touch" (Touch) 3 classificato
(1983) Shinji Mizushima "Dai Kōshien"
(1984) Tsuyoshi Nakaima "Wataru ga pyun"
(1985) Sanbanchi Kawa "Dreams"
(1986) Sanbanchi Kawa "4P Tanaka kun"
(1986) Koseki Koji "Kenritsu Umisora Kōkō Yakyū Buin Yamashita Tarō kun"
(1987) Toshiyuki Mutsu "Meimon! Daisan Yakyūbu" 1 classificato
(1987) Yū Nakahara "Bucchigiri"
(1989) Shinji Mizushima "Ohayō K-jirō"

Anni Novanta:
(1990) Yōichi Takahashi "Ace!" (l'autore di "Captain Tsubasa", Holly e Benji)
(1991) Sanbanchi Kawa "Kaze Hikaru"
(1991) Hidenori Hiba "Yattarō jan!"
(1992) Mitsuru Adachi "H2" (H2)
(1994) Takuya Mitsuda "Major" 5 classificato
(1996) Harold Sakuishi "Stopper Busujima"
(1997) Norifusa Mita "Kurokan"
(1998) Masanori Morita "Rookies" (Rookies)

Dal Duemila in poi:
(2006) Yūji Terajima "Daiya no Ace"

Nessun commento:

Posta un commento